mozione

Mentana – M5S in Consiglio Comunale

LOGO 3 CM

 

Al Presidente del Consiglio Comunale di Mentana

 MOZIONE ex art. 22 Regolamento Comunale

Oggetto:

 misure urgenti in materia di pubblica sicurezza

Il Consigliere Comunale,  Avv. David Perria, nella sua qualità di Capogruppo del Gruppo Consiliare “Movimento 5 Stelle”

PREMESSO CHE

  • Che gli episodi di furti, che si stanno verificando nel Comune di Mentana negli ultimi anni, hanno determinato un clima di crescente preoccupazione e allarme, aumentando notevolmente la percezione di insicurezza della cittadinanza, portando come conseguenza anche la limitazione della libertà nei comportamenti del cittadino e determinando un peggioramento nella dimensione generale del suo benessere;
  • che i reati come i furti nelle abitazioni possono comportare danni fisici e psichici, oltre che economici per chi li subisce;
  • che l’art. 14 del decreto legislativo 18 agosto 2000 nr. 267 (T.U.E.L) stabilisce che il Sindaco svolge i propri compiti anche per servizi di competenza statale con funzioni in materia di polizia giudiziaria quale Ufficiale del Governo, come previsto dal successivo art. 54 decreto legislativo18 agosto 2000, n. 267 che, al comma 1, alla lettera c) , impone allo stesso di vigilare su tutto quanto possa interessare la sicurezza e l’ordine pubblico, informandone il Prefetto;
  • Che strumento fondamentale di vigilanza e prevenzione dei reati nell’ambito degli enti locali è la Polizia Municipale, che ai sensi della Legge n. 65 del 7 marzo 1986 all’art. 5, “oltre che ad esercitare compiti di Polizia Amministrativa, esercita compiti di Polizia Giudiziaria, Polizia Stradale ai sensi dell’art. 12 del Codice della Strada, e funzioni ausiliarie di Pubblica Sicurezza.
  • Che per esercitare efficacemente i compiti assegnatile la Polizia Municipale deve disporre della forza effettiva in termini numerici per coprire il territorio e di adeguata formazione del personale in particolare nelle situazioni che riguardano la pubblica sicurezza;
  • Che da dati rinvenuti dallo scrivente Consigliere comunale è emerso che i corsi per la Polizia Locale finanziati dall’amministrazione sono stati per l’anno 2015 un corso sulla “gestione delle entrate e delle spese” per circa € 500 =; per l’anno 2016 un corso di tiro a segno, che allo scrivente risulterebbe non essere mai stato effettuato, e un corso in House sempre sulla gestione delle entrate per circa € 1.200 =;
  • Che le funzioni in materia di vigilanza e pubblica sicurezza che la legge assegna al sindaco presupporrebbero invece un impegno ben maggiore.
  • Tanto premesso, il sottoscritto Consigliere Comunale

    PROPONE

    Di impegnare il sindaco a:

    1. verificare lo stato della Polizia municipale in termini di forza effettiva, atteso che in talune operazioni gli agenti prestano servizio individualmente, anziché a coppia, esponendo loro stessi ad una situazione di pericolo nell’attività di presidio del territorio;
    2. verificare la formazione del personale  di Polizia nelle funzioni di pubblica sicurezza sul territorio;
    3. incentivare, d’intesa con il Comando di Polizia municipale, una maggiore sinergia tra polizia locale e polizie a competenza generale presenti sul territorio, Carabinieri e PS, stimolando anche, nel caso, lo svolgimento di pattuglie miste; per tale fine potenziare   il coordinamento tra le Forze dell’ordine e la Polizia Municipale;
    4. rafforzare la presenza sul territorio specie nelle ore serali e notturne di Polizia municipale come deterrente nei confronti della criminalità, ascoltando ed eventualmente adottando i suggerimenti utili e adottabili provenienti dai cittadini stessi;
    5. avviare il monitoraggio sulle dinamiche criminali e riferire in Consiglio Comunale periodicamente su quanto si sta facendo in merito.
    6.  

      Lascia un commento